info: (+039) 337.988325

Marina-di-FuscaldoL’attuale territorio di Fuscaldo risulta popolato fin da epoche remote. Probabilmente, la collina dove sorge il centro storico, già difesa per natura, funse da punto di riferimento della popolazione fin dalla guerra greco-gotica (535-553). Durante la dominazione longobarda (VI sec – IX sec), il vertice della collina di Fuscaldo, oltre che rifugio sicuro, era ideale per controllare a vista la valle del Vardaro (torrente che scorre a nord di Fuscaldo), una delle principali vie di comunicazione fra la costa e l’entroterra, in uso almeno dall’età romana. Il territorio di Fuscaldo fu dominio bizantino e sottoposto alle incursioni saracene. Nel 1110,vengono citati per la prima volta Sica e Umfredo di Bohon, rispettivamente moglie e figlio del defunto Roberto, primo signore del luogo di cui si abbia notizia. In seguito, si susseguirono molti feudatari al governo di Fuscaldo, fino a quando, nel 1496, ebbe inizio la dinastia degli Spinelli, che durò, quasi ininterrottamente, fino all’eversione della feudalità,1806.

Non si ha notizia della sua fondazione; è certo però che essa esisteva già nel 1166, perché il 5 giugno di quell’anno, Riccardo Arcivescovo di Cosenza, ne consacrò l’altare maggiore in onore di S. Giacomo Maggiore Apostolo, collocandovi le reliquie dei S.S. Martiri Stefano papa, Viatore, Senatore e Cassiodoro. Tanto, infatti, attesta la lapide murata nella parete di fronte della navata destra accanto alla porta della sacrestia. È certo anche che la Chiesa fu fondata dall’Università di Fuscaldo, a cui spese fu sempre riparata fino all’anno 1749. La Chiesa ebbe in principio forma gotica e racchiudeva varie cappelle di patronato privato. Di queste però alcune non ebbero mai, per la strettezza del luogo, altare proprio, ecco perché i padroni si limitarono a far dipingere sulle pareti delle navate i Santi titolari, e ad amministrare ed erogare le rendite stabilite per la celebrazione delle messe. Vi sono affreschi e dipinti, che adornano le cappelle, del maestro Genesio Gualtieri da Mormanno, e di G.Battista Santoro. Nel 1984, il maestro falegname Francesco ( detto “Ciccio”) Trifilio, ne progetta e realizza altare e leggio.

No Comment

You can post first response comment.

Leave A Comment

Please enter your name. Please enter an valid email address. Please enter a message.

Translate »